Valdisotto

Altitudine 1120
Abitanti 3592


POSIZIONE
Il Comune di Valdisotto è posizionato in uno stretto corridoio percorso dal fiume Adda, che mette in comunicazione la conca di Bormio con la Valtellina. E' collocato in un ampio territorio che si estende dal fondovalle, fino alle cime coperte dalle nevi perenni della Cima Piazzi e i monti San Colombano, Zandilla e Vallecetta, ed è diviso in dieci frazioni: Aquilone, Capitania, Cepina, Oga, Piatta, Piazza, San Pietro, Santa Lucia, Santa Maria Maddalena, Tola.

STORIA
Il territorio di Valdisotto fu uno strategico passaggio militare data la sua collocazione geografica e divenne parte integrante del Contado di Bormio del quale seguì le sorti nell’alternarsi dei domini, dapprima quello Milanese, quindi quello Grigione, che ebbe termine nel 1797.
E’ quasi certo che i Franchi costruirono il sistema di fortificazioni in prossimità della chiesa per l’assistenza e l’ospitalità ai pellegrini, mercanti e viandanti.
Nello scorcio del XII secolo Bormio si ribellò al comune di Como, allora signore e nel 1201 e subì un gravoso trattato di pace che fra l’altro prevedeva la consegna agli uomini di Como delle fortificazioni di Serravalle, punto in cui la valle dell’Adda si restringe tanto da essere linea di confine geografico e politico tra il Bormiese e la Valtellina.
Nella storia recente si annoverano sicuramente i tragici eventi del luglio 1987, anno dell'alluvione della Valtellina. Infatti la frana che si staccò dal Monte Coppetto distrusse interamente il paese di Sant’Antonio Morignone e la contrada di Morignone. Il maggior numero di morti, 28, si ebbe però nella frazione di Aquilone che non era stata evacuata e che venne distrutta dallo spostamento d’aria.
Da questa rovinosa frana si salvò la chiesa di San Bartolomeo de Castelaz che, grazie alla sua posizione un poco sopraelevata, venne interamente circondata dalla Frana stessa.

PUNTI DI INTERESSE
- Chiesa San Bartolomeo de Castelaz: la chiesa è sicuramente anteriore al 1393. La mattina del 18 luglio 1987 si salvò da una grande frana grazie alla sua posizione un po’ sopraelevata.
- Forte Venini: il forte Venini di Oga si trova alla quota di circa 1730 metri e fu realizzato tra il 1908 e il 1914 a difesa dei principali valichi alpini.
- Chiesa di San Gallo : la prima citazione documentaria della chiesa di S. Gallo risale al 1243. L’imponente ciborio ligneo dell’altare centrale, risalente al XVII secolo, è purtroppo andato perso.
- Chiesa di S. Maria di Piatta: sappiamo che già nel 1402 esisteva la chiesa di S. Maria di Piatta, poi dedicata a S. Anna. L’antica chiesa medioevale fu rifatta nel 1797 e l’attuale parrocchiale venne costruita, non nello stesso luogo della prima, fra il 1926 e il 1930.
- Chiesa dei Santi Lorenzo e Colombano: la chiesa è dedicata ai Santi Lorenzo e Colombano, il primo martire dei primi secoli e diacono arso vivo sulla graticola.

COSA FARE
La Valdisotto è un unico comprensorio, ma ha mille volti: il versante occidentale del Monte Vallecetta si trova all'interno del Parco Nazionale dello Stelvio, ma tutta Valdisotto è degna di nota dal punto di vista paesaggistico.
Il Parco Nazionale dello Stelvio è un vero e proprio tesoro naturalistico per la varietà di flora e fauna alpina presenti. Il territorio è ricco di acque calde curative e le sue terme di millenaria storia sono una delle mete più gettonate in Valtellina.
Sul suo territorio è presente una pista per il pattinaggio su ghiaccio. La zona è ricca di rocce naturali per l’arrampicata e per gli amanti delle escursioni è possibile raggiungere la vetta della Cima Piazzi, meta molto ambita da scialpinisti e alpinisti. Per arrivare sulla Cima sono stati costruiti negli anni diversi bivacchi di sosta, uno di questi è il Bivacco Paolo Ferrario, situato a 2340 m in Val Cardonè, accessibile da Isolaccia. Sul versante Oga è S.Colombano e possibile sciare su trenta chilometri di piste di neve, area perfetta per le famiglie e per i bambini grazie ai suoi pendii di livello semplice e intermedio. Per gli amanti della bici, Valdisotto dista dalle sue frazione pochi chilometri percorribili all’insegna della natura e dello sport.

FESTIVITA'
- 15-08: la santa patrona di Valdisotto è Maria SS. Assunta.

LINK UTILI
- Comune di Valdisotto

Foto Relative

Video Del comune




(C) La Valtellina - info@mountainmedia.it - Privacy Policy Cookie Policy